Consigli per la seconda decade di aprile 2012

9 aprile 2012
Orto e giardino

Orto

Se nell’orto abbiamo eseguito il sovescio con la semina autunnale, probabilmente ora è pronto per essere trinciato e seminterrato. Solitamente viene trinciato con le prime fioriture, al massimo con il 10% della fioritura complessiva. Al suo interramento deve seguire la spruzzatura del preparato Fladen che aiuterà la decomposizione ed il ripopolamento dei lombrichi…

In questa epoca semine e trapianti sono all’ordine del giorno: tuttavia è bene ricordarsi che in un orto occorre mantenere sempre un’ampia superficie coltivata a leguminose!

Ovvero fagioli, fagiolini, piselli, fave ed altro. Infatti queste piante ci permettono di accumulare l’azoto ed altri elementi nutritivi a favore di tutte le altre piante coltivate. Le fave inoltre assorbono anche gli eccessi di azoto e riequilibrano l’ambiente circostante. Rispettiamo le consociazioni, ovvero la capacità che ha una pianta a sostenere la vita di altre piante.

E’ consigliabile preparare sempre con anticipo il suolo per eventuali trapianti o semine e non ridursi all’ultimo. Cosi anche per le spruzzature dei preparati biodinamici specie per il 500k ed il fladen colloidale, anche perchè in questo mese hanno il massimo della loro efficacia nel riportare fertilità.

 

Giardino

Sarà utile potare le siepi vigorose solo di mattina presto: in queste ore mattutine l’energia della linfa si trova nella parte aerea delle piante, per cui sottraendo parte della vegetazione indeboliremo fortemente il ricaccio di altri germogli.

Teniamo a portata di mano il propoli in soluzione idroalcolica e l’aglio in polvere: saranno utili per controllare il “mal bianco” (Oidio).

Sui fiori si potrà usare un infuso di camomilla per rinforzare le piante: si prepari una normale tisana di camomilla, la si lasci raffreddare e la si diluisca fino a 40 volte (un bicchiere in 10 litri di acqua), dinamizzarla per 20 minuti e spruzzare su piante e fiori, al mattino presto.

Se ci sono piogge molto forti e persistenti allora è meglio usare una miscela di rame e zolfo, utilizzare nelle dosi e con le precauzioni riportate in etichetta.

 

Frutteto Familiare

Irroriamo il preparato cornosilice (“501”) su tutte le piante da frutto che hanno già fiorito e si trovano alla scamiciatura completa (caduta dei petali) specie nei giorni 12 e 13.

Se la scamiciatura non è completa attendere ed irrorare il preparato biodinamico cornosilice il 30 aprile; ciò aiuterà le piante a rinforzarsi ed ad ingrossare i frutti.

Sarà probabilmente necessario fare dei trattamenti con della poltiglia Bordolese, per il controllo dei funghi patogeni, alternati con della propoli nel caso di pioggia.

Lavoriamo il terreno alla base dei frutti, togliamo via le erbacce e irroriamo al piede del macerato di ortica, ottimo coadiuvante nella crescita armonica della pianta: 1 kg di ortica fresca macerato in 10 litri di acqua per tre giorni, diluire 1 a 10 e irrigare al piede della pianta.

Per vedere le considerazioni del mese di aprile clicca qui

Cosa ne pensi? Di' la tua
PREC. Fegato e psiche SUCC. Asparagi: lato A
Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *