I reni

9 dicembre 2011
Anziano

Il calore è necessario non solo per il benessere fisico ma anche come risorsa per affrontare le esperienze della vita. I reni, strumenti dell’anima, sono i primi organi di cui prendersi cura per la salute di tutto il corpo.
Sul piano fisico, organico i reni sono molto importanti: hanno una funzione primaria nell’espellere con l’urina le scorie dannose del metabolismo dei cibi (inclusi additivi sintetici, medicinali, ecc). Inoltre regolano il bilancio dei minerali, dell’acqua, la pressione sanguigna e la formazione dei globuli rossi.

E non è tutto: nella medicina tradizionale cinese i reni vengono considerati come serbatoi dell’energia vitale (QI), ereditata dai genitori, che fa parte della nostra costituzione originaria.
Tale energia ci permette di produrre calore, di assimilare gli alimenti ed eliminare sostanze nocive dal nostro organismo, di essere attivi e vitali. Sono tutte funzioni che fanno sì che il nostro organismo sia una unità di corpo e anima. Nella medicina a base antroposofica i reni sono in particolare “strumenti” dell’anima: ogni disturbo viene registrato proprio come il pianista si rende conto subito quando il suo strumento non è ben accordato oppure difettoso. Noi che abbiamo già una certa etànon abbiamo più un corpo perfetto, ovviamente. Affinché i nostri reni possano essere la fonte di energia e calore vitali, dobbiamo sapere come curarli bene e proteggerli da danni.

Consigli per un buon funzionamento dei reni

1. Proteggersi dal freddo, cioè tenere caldi le reni, i fianchi, la pancia e i piedi.

Indossare vestiti di tessuto naturale (lana, cotone, seta). Per esempio raccomando l’uso della pancera e, se necessario, pediluvi alternati caldo-freddo per rinforzare la circolazione.
Notate bene che problemi, ansie, paure, conflitti ecc. di lunga durata influiscono sui reni riducendo le loro capacità. Allora possono subentrare dolori e rigidità della schiena, stanchezza, svogliatezza, insonnia, irrequietezza.

2. Bere almeno 1,5 – 2 litri al giorno, preferibilmente di acqua e di tisane reperibili in erboristeria.

Alcuni esempi:

- Mettere 3 cucchiaini di equiseto in mezzo litro d’acqua fredda alla sera e al mattino riscaldare senza far bollire, filtrare e poi bere durante la giornata.
- Versare mezzo litro d’acqua bollente su un cucchiaio colmo di foglie di betulla, lasciar riposare per alcuni minuti e bere durante la giornata.

- Versare acqua bollente su qualche fettina sottile di zenzero fresco, lasciare a piacere. Questa è una tisana rinforzante e riscaldante.

3. Mangiare molta frutta e verdure di stagione aggiungendovi a scelta semi di finocchio, bacche di ginepro, zenzero, aglio, che sviluppano calore, evitando in particolare cibi e bevande fredde; moderazione con proteine animali (carne, uova), poco sale soprattutto in inverno.

Cosa ne pensi? Di' la tua
PREC. Qual è la qualità del cibo biologico? SUCC. A proposito del falso bio
Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *