Considerazioni per la terza decade di giugno 2012

20 giugno 2012
Orto e giardino

Orto

Questo periodo è molto importante per la terra in quanto le forze vitali stanno raggiungendo il culmine della loro forza e ci si prepara al “giro di boa” dell’anno; in un certo senso questa epoca corrisponde al “Natale estivo” ma con il massimo delle forze vitali di espansione…Ne consegue che è un ottimo periodo per la preparazione dei letti di semina e dei futuri trapianti; in questi giorni riusciamo a purificare la terra dalle erbe infestanti. Nella pratica agricola ci si prepara a dare il cornoletame sul terreno specie nelle sera tarda (nel caso vi fosse la terra secca la si inumidisca un poco), per arricchirlo di forze vitali e per attivare la flora microbiologica.

Il giorno 30 raccogliere le mosche con la carta moschicida e bruciarle in loco fino a raggiungere la formazione di cenere, mettere un pizzico di cenere in 10 litri di acqua purissima, dinamizzare per 1 ora e spargere sul terreno e le piante.

Sempre il giorno 30 sarebbe molto utile raccogliere una ventina di cimici dei pomodori, metterli in mezzo litro di acqua e farli macerare per 4-5 giorni, poi filtrare e diluire in 10 litri di acqua e spruzzare su i pomodori e tutto l’orto. Ripetere l’operazione per tre sere consecutive, aspettare una settimana prima di consumare i pomodori trattati in questo modo. Il macerato d’insetti agirà da repellente.

Giardino

In questo periodo il giardino potrebbe “soffrire” a causa di forti temporali e forti venti; il rischio più grande sono comunque le grandinate che possono provocare gravi danni non solo strutturali ma anche di nuove infezioni. In quest’ultimo caso è utile, per disinfettante e cicatrizzante, del propoli idroalcolico alla dose di 20 ml per 10 litri di acqua. Se i danni sono elevati e la pioggia è stata persistente, specie sulle piante a fusto legnoso, è consigliato poter mettere in aggiunta al propoli dell’ossicloruro di rame per una migliore e profonda disinfezione.

Chi ha degli aceri o dei gelsi è probabile che veda nelle punte degli alberi dei bruchi (Infantria) avvolti nella loro tela: possiamo fare dei trattamenti con del Bacillus Thuringensis, da sciogliere e bagnare abbondantemente alla sera tarda; è bene assicurarsi che il prodotto sia fresco e che non sia stato esposto fonti di calore e luce, pena la sua efficacia.

In terrazza: se in questi giorni il caldo è eccessivo irrigare abbondantemente la sera e pochissimo di giorno facendo attenzione però ai vasi esposti in pieno sole. Infatti se le radici sono troppo umide possono lessarsi e collassare, conviene quindi ombreggiare i vasi o irrigare solo il necessario senza mai inzuppare eccessivamente la terra.

Come rinforzante della vegetazione possiamo utilizzare il macerato di ortica. Si prende 1 kg di ortica fresca o 300 gr di ortica secca, si e fa macerare per tre giorni in 10 litri di acqua, filtrare e diluire con 40 litri di acqua: usare con un innaffiatoio e irrigare il piede delle piante in difficoltà.

Frutteto Familiare

Se questo periodo è “magico” per l’orto ancor di più lo è per il frutteto, perchè in questo periodo per molte specie di alberi da frutto vi è la differenziazione delle gemme a fiore; cioè in quest’epoca le gemme possono tramutarsi in gemme a legno (cioè a foglia) oppure a fiore (che porterà il frutto) e quindi possiamo aiutare le piante a caricarsi di frutti per l’anno successivo. Come? Spruzzare alla mattina presto nei giorni 24, 25 e 26 il preparato cornosilice. Si prenda 2 gr di preparato “501” cornosilice, lo si dinamizzi in 30 lt di acqua tiepida e pulita in un recipiente di legno o di terracotta (ad esempio un normale vaso da fiori con il foro chiuso) per un’ora e lo si spruzzi finemente sulla chioma dell’albero. L’albero verrà aiutato nell’accumulare luce nei tessuti e di conseguenza si svilupperanno dei processi ormonali che formeranno le gemme a fiore… in questo periodo irrigare il meno possibile per 7-10 gg prima della spruzzatura del preparato; nel caso di piante molto vigorose e già produttive si possono fare alcune cimature che oltre a bloccare lo sviluppo aiutano alla differenzazione delle gemme a fiore per l’anno successivo. Nel caso invece che le piante siano in difficoltà vegetativa allora possiamo irrorane il piede con il macerato di ortica (vedi sopra).

Clicca qui  e leggi le indicazioni generali per il mese di giugno.

Cosa ne pensi? Di' la tua
PREC. Che differenza c’è tra pasta di cacao e cacao? SUCC. Carote: lato B
Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *